Taglio tassi di interesse

0

Varie banche centrali hanno deciso di tagliare i tassi di interesse contemporaneamente dando un preciso segnale – a borse europee aperte – ai mercati finanziari.

La Federal Reserve di Bernanke ha tagliato il tasso di riferimento di 0,50% portandolo dal 2% all’1,5%.
La FED ha tagliato anche il tasso di sconto di 50 basis points portandolo all’1,75%.

Anche la BCE con le banche centrali di Gran Bretagna, Svizzera, Svezia e Canada hanno deciso di tagliare i tassi di interesse.

La BCE di Trichet ha tagliato i tassi di riferimento dal 4,25% al 3,75% operando un taglio sui tassi di interesse di 0,50%.
La Banca d’Inghilterra – BOE – ha abbassato il tasso di riferimento di 0,50% portandolo dal 5% al 4,5%.
La Banca Centrale Svizzera ha portato la banda obiettivo del tasso Libor al 2% – 3%.
La Banca del Canada ha tagliato i tassi di 50 punti base portandoli dal 3% al 2,50%.

Il taglio dei tassi è stato così concertato fra le principali banche centrali del Mondo in considerazione di una più debole attività economica combinata ad una bassa pressione inflazionistica.
Infatti le materie prima, così come per esempio il petrolio, si sono fortemente ridimensionate con forti cali sulle quotazioni.

Questa volta le Banche Centrali hanno compreso l’importanza di non entrare in forte recessione mettendo da parte la paura dell’inflazione, un problema che attualmente appare secondario e relativamente infondato.

Il taglio dei tassi di interesse, seppure giudicato da molti tardivo, è comunque una buona cura per questo mercato. Non si sa se questo basterà ma intanto almeno sono iniziate le cure con la speranza che queste facciano effetto in tempi ragionevoli.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.