Strike price base prezzo di esercizio

0

Lo strike price delle opzioni è la base o prezzo di esercizio al quale l’investitore che ha comprato l’opzione, con l’esercizio del diritto dell’opzione, compra con l’opzione call o vende con l’opzione put il sottostante.

Le opzioni vengono effettuate su molti strumenti finanziari: azioni, valute, indici, commodities, ecc.

Ci sono vari livelli di strike price ovvero di basi o prezzi di esercizio.
Le basi vengono prefissate in base a vari criteri. Sono molte le varie basi e di solito vengono associate alle principali scadenze ovvero alle 2 scadenze mensili più immediate e alle scadenze trimestrali di marzo, giugno, settembre e dicembre. Di solito la scadenza di riferimento è il terzo giovedì o venerdì del mese di scadenza.
Le basi hanno un valore inferiore, superiore e simili al valore del sottostante.

Ogni opzione rappresenta un certo quantitativo di titoli. Per esempio sul mercato dell’IDEM la Borsa Italiana fissa il lotto minimo di negoziazione che definisce quante unità del sottostante sono controllata da ogni singolo contratto di negoziazione negoziate sull’IDEM.

L’effetto leva delle opzioni è piuttosto alto.

Sull’indice azionario italiano S&P/MIB le opzioni al momento valgono 2,5 euro a punto.
Le opzioni sul mercato italiano si hanno oltre che sull’indice S&P/MIB anche sulle singole azioni che compongono l’indice S&P/MIB ovvero sui principali titoli quotati sull’MTA.

Di solito le opzioni più liquide sono quelle relative ai titoli più scambiati o a più larga capitalizzazione e quelle con scadenza più vicina.

You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.